Solar steam: il solare termico per produrre energia, rendere l’acqua potabile e sterilizzare

Buone notizie per la Rice University e per i paesi in via di sviluppo: la Bill and Melinda Gates Foundation ha deciso di finanziare il progetto del Solar Steam, un concentratore solare termico utile a produrre energia elettrica, o a sterilizzare pipì e pupù…

Solar steam

Solar steam

L’entità del finanziamento non è nota, ma la notizia è stata diffusa dalla stessa Rice University: la fondazione Gates finanzierà il Solar Steam, invenzione in grado di sterilizzare l’acqua in maniera gratuita e veloce depurandola e trasformandola in vapore.

Il meccanismo, tutto sommato, non è complesso: una parabola a specchio concentra la luce del sole su un “occhio” che contiene delle nanoparticelle in grado di catturare gran parte della radiazione luminosa, sia quella visibile che quella invisibile, e di riscaldarsi molto velocemente. Il calore accumulato, molto, trasforma in fretta l’acqua in vapore sterilizzandola.

Nei primi test, durante i quali è stata utilizzata acqua di autoclave non purificata, il Solar Steam è stato in grado di distruggere batteri, virus e spore con ottimi risultati. Questa tecnologia, messa a punto da studenti e laureati della Rice University, potrebbe aiutare 2,5 miliardi di persone a purificare l’acqua contenuta nei rifiuti biologici umani e a trasformarla in normale acqua potabile.

Una vera rivoluzione per i villaggi rurali dell’Africa, dell’India o delle altre parti del mondodove la cosiddetta “civiltà moderna” non è ancora arrivata. Ma, potenzialmente, ci potrebbero essere anche altri usi per il Solar Steam: come tutti i sistemi solari termici a concentrazione che producono vapore, infatti, oltre che per sterilizzare potrebbe essere usato anche per produrre energia elettrica.

E anche con ottimi rendimenti: fino al 24%, spiegano quelli della Rice, contro un’efficienza media del 15% del fotovoltaico. Forse anche per questo la fondazione Gates ha deciso di mettere un po’ di soldi in questo progetto…
____________________________________________________________________________________________________
Questo articolo è stato pubblicato su GreenME | Copyright © 2009-2013 – GreenMe.it

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati*