Nasce la prima turbina sommersa low cost e made in Italy per la produzione di energia.

Frendy Energy lancia prima turbina economica al mondo sommersa ad asse orizzontale: performance superiore rispetto ai concorrenti ad asse verticale.

Nasce la prima turbina sommersa low cost e made in Italy per la produzione di energia.

Stavolta non è prodotta in Cina ma in Italia. La prima turbina sommersa ad asse orizzontale economica e facilmente installabile porta la firma del gruppo Frendy Energy .
Le energie eolica e idroelettrica sono state quelle più popolari in Europa tra il 2011 e il 2012. Le moderne tecniche di turbine a disposizione consentono tassi di efficienza molto alti e costi contenuti. E il vento e l’acqua sono fonti di energie inesauribili.
La turbina in questione è dotata di un generatore a 24 poli a magneti permanenti asincrono, con regolazione del flusso grazie alla rotazione delle pale gestita da inverter di ultima generazione.
SOMMERSA, la cui tecnologia è completamente made in Italy, ha la peculiarità di essere una turbina economica e facilmente installabile con una performance superiore rispetto alle turbine Kaplan ad asse verticale tradizionali.
La società, attiva in Italia nella produzione di energia elettrica attraverso
impianti mini-hydro quotata all’AIM Italia dal 22 giugno 2012, ha presentato un’altra innovazione assoluta, in questo caso nel campo finanziario obbligazionario.
Nel corso dell’eventoo “Frendy 100” che si è svolto a Milano giovedì 3 ottobre presso la sede di Borsa Italiana, Rinaldo Denti, Presidente e fondatore, ha illustrato il Frendy Bond Up 2013-2018, il primo prestito obbligazionario convertibile “zero coupon” a finestre variabili con bonus share, per il quale sarà richiesta la quotazione sul mercato AIM/Mercato Alternativo del Capitale organizzato e gestito da Borsa Italiana.
Si tratta – si legge in una nota – di un’emissione per 4 milioni e 875 mila euro, ripartita in 1.950 obbligazioni – del valore nominale di Euro 2.500 ciascuna – che darà esecuzione al relativo aumento di capitale di pari importo, a servizio della conversione, e attuerà parzialmente la delega conferita dall’Assemblea Straordinaria del 29 aprile 2013.
L’emissione del prestito obbligazionario convertibile è finalizzata al reperimento di nuove risorse finanziarie da utilizzarsi nell’ambito dell’attività di Frendy Energy al fine di perseguire la strategia di investimento e di sviluppo orientata alla creazione di un portafoglio di impianti idroelettrici. In tale contesto e a tal fine, ove se ne presenti l’opportunità, i proventi potranno essere utilizzati anche nell’ambito di una crescita per linee esterne.
La sottoscrizione del Prestito Obbligazionario Convertibile sarà riservata ai soggetti selezionati dal Consiglio di Amministrazione che saranno individuati anche con l’assistenza di Integrae Sim S.p.A. come Lead Manager, nel periodo tra il 28 settembre e il 16 ottobre, con esclusione di qualsiasi offerta al pubblico.
“Con le risorse finanziarie derivanti dal collocamento del Frendy Bond Up – dichiara Rinaldo Denti, Presidente e Fondatore di Frendy Energy – andremo ad acquisire centrali idroelettriche esistenti e faremo partire nuovi cantieri, sempre caratterizzati dall’innovazione che ha guidato da sempre la nostra strategia di sviluppo. Anche in campo finanziario, così come in quello tecnologico, riteniamo di essere assolutamente innovativi, in quanto si tratterà del primo esempio di zero coupon bond convertibile a finestre variabili con bonus shares”.

_______________________________________________________________________________________________________________

Questo articolo è stato pubblicato su WallStreetItalia | Copyright © 1999-2013 Wall Street Italia

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati*