Stampante 3d: realizzata la prima casa in sole 24 ore [VIDEO]

Stampante 3D, realizzata la prima casa stampata

La prima casa realizzata con una stampante 3D nel tempo record di 24 ore

In Cina hanno sviluppato una tecnologia che permette di “stampare” tramite una stampante 3D, interi edifici nel tempo record di 24 ore.
E’ avvenuto a Shanghai, la società del progetto la Winsun New Materials ha da poco completato la costruzione di 10 strutture che ora saranno utilizzati come uffici.
Le strutture sono state realizzate usando quattro stampanti 3D alte quasi sette metri e larghe 10 metri che producendo un misto di cemento e materiale di scarto di costruzione che si asciuga molto in fretta. Con questo materiale la stampante 3D riesce a creare i vari muri e strutture strato su strato, eliminando qualsiasi scarto o spreco di tipo industriale e di risorse, ottenendo case ecocompatibili ed estremamente economiche.
Ogni modulo costruito costa meno di 5mila dollari e il prossimo obiettivo dell’azienda cinese sono i grattacieli.

La stampante 3D rappresenta la naturale evoluzione della stampante 2D e permette di avere insieme ad un software di modellazione 3D una  riproduzione reale di un modello 3D. Grazie alla stampante 3D è possibile produrre qualsiasi tipo di oggetto, a basso costo e rimanendo indipendente dalle multinazionali. Ricordiamo qualche progetto per rendersi conto che questo strumento se utilizzato nei migliori dei modi, potrebbe portare notevoli vantaggi a livello ambientale e sociale e sarebbe in grado di stravolgere le economie di scala. Ecco una serie di progetti in previsione o realizzati con la stampante 3D, la stampa 3D di un edificio ad Amsterdam, l’auto ibrida Urbee, la creazione di nuovi abiti riciclando quelli usati, le novità nel campo spaziale come il progetto SpiderFab una vera e propria fabbrica 3D in orbita.
Non possiamo non ricordare gli enormi passi fatti in campo medico, che grazie all’utilizzo di questa rivoluzionaria stampante 3D ha permesso di salvare e aiutare alcune vite, come l’esecuzione del primo trapianto di una protesi stampata in 3D, un ragazzino che recupera l’uso della mano grazie ad una protesi e la realizzazione di un cuore che ha permesso di salvare la vita di un bimbo di 14 mesi.

Commenti

  1. maria antonieta di nubila
    maria antonieta di nubila 30 ottobre, 2014, 21:41

    LINDO E INTERESSANTE.

    Reply this comment

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati*